Inoltre, con il determinante contributo del Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza, che ha eseguito unarticolata attività tecnica di ispezione informatica presso la principale società italiana che ha creato e gestito la parte software delle predette aziende estere, è stato.
I destinatari del provvedimento sono indagati, a vario titolo, per associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, associazione per delinquere, esercizio abusivo di attività di gioco e scommesse, riciclaggio, intestazione fittizia di beni.Tali attività, in alcuni casi, erano fittiziamente intestate a soggetti compiacenti.Per sette fermati i Gip competenti hanno applicato, su richiesta delle locali Procure, la custodia cautelare in carcere.Bancata da parte del gestore sarà questultimo, previo accordo con il concessionario, ad assumere su di sè tale rischio, riconoscendo al concessionario la percentuale pattuita relativa al flusso delle scommesse effettuate in quella determinata sala.Locali, eventi e serate, party-Amo allAlcatraz.Servizi Ecologici, soggetti rispettivamente raggiunti da ordinanza di custodia cautelare e rinviati a giudizio nellambito dei procedimenti 7590/12 rgnr.d.In esito alle suddette risultanza investigative, è stato disposto il sequestro per equivalente di complessivi oltre 93 milioni di euro in relazione alle imposte evase (ires e IUS nonché di ulteriori 123 milioni di euro quale application roulette anglaise profitto illecito conseguito dallorganizzazione criminale.In conclusione, sulla scorta dei gravi elementi indiziari raccolti, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria Direzione Distrettuale Antimafia - di Reggio Calabria, ha emesso una misura cautelare, in corso di esecuzione sul territorio nazionale e in diversi Stati esteri (Malta, barbecue charbon de bois sur roulettes Austria.Quanto ai ruoli dei singoli indagati, gli interessi della compagine mafiosa, in tale specifico settore, venivano curati, sul versante catanese, da Giovanni Orazio Castiglia, legato a Salvo Salvatore Massimiliano da rapporti diretti di parentela, mentre sul versante aretuseo emergevano le figure degli imprenditori Salvatore Bosco.Con riferimento ai marchi Betaland ed Enjoybet, riconducibili alla società maltese Oia Services LTD, sono state accertate le medesime illecite modalità di gestione dellattività grazie bonus nascita comune anche agli accordi con gli esponenti della cosca Tegano.Tale modalità operativa genera sempre unattività illecita: il co-banco, infatti, cela lesistenza di una società di fatto tra il bookmaker e il master, che condividono i rischi economici connessi alla gestione del servizio e che vi conferiscono il primo, il sistema gestionale in remoto.Le indagini della squadra mobile di Catania e del Servizio centrale operativo della polizia di Roma hanno fatto emergere una consolidata organizzazione criminale che, sotto l'egida del clan catanese Cappello-Bonaccorsi, era dedita alla gestione di numerose agenzie di scommesse presenti sull'intero territorio siciliano.Le indagini, lattività investigativa, sviluppatasi in un arco temporale che va da aprile 2016 a marzo 2017, è consistita essenzialmente nello svolgimento di indagini di tipo tecnico, corroborate da attività di tipo tradizionale e successivamente da accertamenti patrimoniali.Ne deriva, allora, come il soggetto gerente il servizio non sia lapparente concessionario, ma la società di fatto, che utilizza quella concessione per esercitare lattività di gestione e raccolta dei giochi e delle scommesse.Come spiega in una nota Sks365, nuova proprietà che gestisce il marchio Planetwin365, "dagli atti presentati dagli inquirenti in sede Dipartimento Nazionale Antimafia risulta che le investigazioni hanno riguardato esclusivamente la proprietà/management che ha gestito la società fino al 2017, ovvero prima della sua cessione.In particolare, Salvo Salvatore Massimiliano è ritenuto capo e promotore dellassociazione a delinquere, quale articolazione operativa della famiglia mafiosa Cappello - Bonaccorsi, avente quale fine specifico quello dellinfiltrazione nel mercato dei giochi e delle scommesse ne, nonché alla gestione della rete commerciale dellorganizzazione dedita alla.
Personale della squadra mobile di Catania e del servizio centrale operativo della polizia di Roma hanno eseguito un'ordinanza cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura etnea, per 29 persone nell'ambito di un'indagine su mafia e il mercato della raccolta illecita delle scommesse on line.





Lassociazione criminale aveva inoltre sviluppato ulteriori reti commerciali in Toscana, Liguria, Lombardia e nelle province di Siracusa, Catania e Crotone.
D.M., tutti operanti su server esteri (Malta, Austria, Inghilterra utilizzati allinterno di sale scommesse, Internet point,.E.D.,.T.D ed esercizi commerciali.
Con specifico riferimento alla diffusione sul territorio calabrese delle varie agenzie a marchio PlanetWin365 sono stati inoltre appurati rapporti di natura illecita posti in essere da Antonio Zungri, nella sua qualità di master regionale Calabria, nonché da David Laruffa, quale Agente Calabria, con esponenti.